Pothos foglie Gialle: come risolvere il problema

Il problema più comune per cui il Pothos ha foglie gialle è l’eccesso d’acqua, o più nello specifico il ristagno idrico che è dovuto a:

  1. Annaffiature troppo frequenti:
  2. Il Pothos è una pianta che preferisce terreni leggermente asciutti tra una annaffiatura e l’altra. Un errore comune è quello di annaffiare la pianta troppo spesso, creando così un eccesso d’acqua che può portare alla comparsa di foglie gialle.

  3. Terriccio che trattiene troppa acqua: Se il terriccio utilizzato per il Pothos trattiene troppa acqua, può causare il ristagno idrico. È importante utilizzare un terriccio ben drenante che permetta all’acqua in eccesso di defluire correttamente.
  4. Ristagno d’acqua nel sottovaso: Se il sottovaso in cui è posizionato il vaso del Pothos raccoglie l’acqua in eccesso e non viene svuotato regolarmente, può crearsi un ambiente favorevole al ristagno idrico. È importante controllare regolarmente il sottovaso e rimuovere l’acqua in eccesso per evitare problemi alle radici.

Se le foglie del tuo Pothos sono diventate gialle a causa di un eccesso d’acqua, è necessario correggere le pratiche di annaffiatura e assicurarsi che la pianta riceva la quantità corretta di acqua. Per evitare l’eccesso d’acqua, aspetta che il terreno si asciughi leggermente tra una annaffiatura e l’altra e assicurati che il terriccio sia ben drenante. Inoltre, controlla sempre il sottovaso per evitare il ristagno d’acqua.

Cosa fare se le foglie diventano gialle?

Se le foglie della pianta diventano gialle, potrebbe essere indicativo di un problema di salute della pianta. L’ingiallimento delle foglie può essere causato da diversi fattori, tra cui parassiti o carenze di nutrienti.

Se noti che le foglie della tua pianta stanno diventando gialle in modo irregolare e potrebbero presentare deformità, potrebbe essere un segno di infestazione da parassiti. In questo caso, è importante identificare il tipo di parassita e trattare la pianta di conseguenza. Puoi utilizzare un insetticida specifico per il tipo di parassita che sta attaccando la tua pianta. Assicurati di seguire attentamente le istruzioni sull’etichetta e di prendere le precauzioni necessarie per proteggere te stesso e l’ambiente durante l’applicazione dell’insetticida.

In alternativa, l’ingiallimento delle foglie potrebbe essere causato da carenze di nutrienti, in particolare di calcio e boro. Il calcio è essenziale per la crescita delle piante e una carenza può causare l’ingiallimento delle foglie. Il boro è anch’esso importante per la salute delle piante e una carenza può causare deformità delle foglie.

Per risolvere il problema delle carenze di nutrienti, puoi concimare la pianta una volta al mese con un concime equilibrato. Assicurati di utilizzare un concime specifico per le piante da interno o da esterno, a seconda della posizione della tua pianta. Segui attentamente le istruzioni sull’etichetta per determinare la quantità di concime da utilizzare e la frequenza delle applicazioni.

In alcuni casi, potrebbe essere necessario rinvasare la pianta per fornire un terriccio più fresco che contenga nuovi nutrienti. Durante il rinvaso, assicurati di rimuovere con cura il vecchio terriccio e le radici danneggiate. Riempire il nuovo vaso con terriccio fresco e piantare la pianta nel nuovo substrato. Assicurati di innaffiare la pianta regolarmente dopo il rinvaso per favorire l’adattamento delle radici al nuovo ambiente.

In conclusione, se le foglie della tua pianta diventano gialle, è importante identificare la causa del problema. Se l’ingiallimento è irregolare e potrebbe essere causato da parassiti, trattare la pianta con un insetticida specifico. Se l’ingiallimento è causato da carenze di nutrienti, concimare la pianta regolarmente o rinvasarla per fornire un terriccio più fresco. Seguendo queste precauzioni, dovresti essere in grado di ripristinare la salute della tua pianta.

Come far riprendere un Pothos?

Come far riprendere un Pothos?

Per far riprendere un Pothos, ci sono alcune cose da tenere in considerazione. Innanzitutto, è importante sapere che questa pianta ama il sole in inverno, ma durante l’estate è preferibile tenerla in un ambiente ombreggiato.

Per quanto riguarda la riproduzione, il Pothos può essere facilmente propagato tramite talee. Per farlo, basta prendere una porzione di stelo con almeno due nodi e metterla in un bicchiere d’acqua. Assicurarsi che le foglie non siano immerse nell’acqua, altrimenti potrebbero marcire.

Una volta che le radici iniziano a crescere, è possibile trapiantare la talea in un vaso o in una zolla di terra. Assicurarsi di utilizzare un terreno ben drenato e di innaffiare regolarmente la pianta, evitando però di lasciare accumulare l’acqua nel sottovaso.

Il Pothos è una pianta abbastanza resistente e può sopportare anche periodi di scarsa cura. Tuttavia, per farlo riprendere al meglio, è consigliabile fornirgli un ambiente luminoso, ma non eccessivamente soleggiato, e una buona quantità di acqua. Inoltre, è possibile nutrire la pianta con un fertilizzante di qualità, seguendo le istruzioni sulla confezione.

In conclusione, per far riprendere un Pothos è importante fornire alla pianta le giuste condizioni di luce e temperatura. Inoltre, la riproduzione tramite talee è un metodo semplice ed efficace per ottenere nuove piante. Ricordarsi di innaffiare regolarmente la pianta e fornirle un terreno ben drenato.

Domanda: Come capire se il Pothos ha sete?

Domanda: Come capire se il Pothos ha sete?

Le piante da appartamento, come il Pothos, sono solitamente piante di origine tropicale che richiedono cure specifiche per mantenersi sane e rigogliose. Una delle cose più importanti da considerare è l’irrigazione corretta. Per capire se il tuo Pothos ha sete, puoi semplicemente toccare la terra con le dita. Se la senti asciutta, significa che la pianta ha bisogno di acqua.

Tuttavia, è importante non innaffiare troppo la pianta, poiché l’eccesso di acqua può causare marciume delle radici. Un modo per evitare ciò è assicurarsi che il vaso abbia un buon sistema di drenaggio per permettere all’acqua in eccesso di defluire correttamente.

Inoltre, è importante ricordare che il Pothos preferisce terreni leggermente umidi, ma non completamente bagnati. Assicurati quindi di non lasciare la pianta seduta in acqua stagnante.

Oltre all’irrigazione, il Pothos apprezza anche un ambiente umido. Puoi aumentare l’umidità intorno alla pianta posizionando una ciotola d’acqua vicino a essa o utilizzando un umidificatore. Inoltre, spruzzare acqua sulle foglie può aiutare a mantenere la pianta idratata.

Quanta acqua dare al Pothos?

Quanta acqua dare al Pothos?

Il Pothos, noto anche come Epipremnum aureum, è una pianta da interno molto popolare per la sua bellezza e la sua facilità di coltivazione. Quando si tratta di annaffiare il Pothos, è importante trovare un equilibrio tra non annaffiare abbastanza e annaffiare troppo.

Vi consiglio, pertanto, di annaffiare con moderazione, anche in estate; vanno bene due, massimo tre annaffiature alla settimana. Assicuratevi che il terreno sia asciutto tra un’annaffiatura e l’altra per evitare ristagni d’acqua che possono causare marciume delle radici.

In inverno, quando la pianta è in una fase di riposo, è necessario ridurre ulteriormente la quantità di acqua somministrata. Annaffiare poco, solo quando il terreno è completamente asciutto.

Un buon modo per innaffiare il Pothos è quello per immersione del vaso. Riempite un contenitore con acqua e immergete il vaso della pianta nell’acqua, lasciandolo lì per circa 10-15 minuti o fino a quando il terreno non è completamente umido. Questo metodo permette alle radici di assorbire l’acqua di cui hanno bisogno senza eccessi.

Inoltre, consiglio anche di nebulizzare dell’acqua sulle foglie del Pothos per aumentare l’umidità intorno alla pianta. Questo può essere particolarmente utile in ambienti con aria secca, come quelli con aria condizionata o riscaldamento.

Tenete presente che le esigenze di annaffiatura possono variare a seconda delle condizioni ambientali, come la temperatura e l’umidità. Osservate attentamente il vostro Pothos e regolate la quantità di acqua di conseguenza.

In conclusione, il Pothos richiede una quantità moderata di acqua. Annaffiate con moderazione, controllando che il terreno sia asciutto tra un’annaffiatura e l’altra. Utilizzate il metodo di immersione del vaso per garantire un’adeguata idratazione delle radici e nebulizzate acqua sulle foglie per aumentare l’umidità. Osservate attentamente la vostra pianta e adattate le pratiche di annaffiatura in base alle sue esigenze specifiche.

Quando le foglie di una pianta diventano gialle, cosa significa?

Quando le foglie di una pianta diventano gialle, può essere un segnale di problemi di salute della pianta. Uno dei motivi più comuni per l’ingiallimento delle foglie è la clorosi ferrica. Questa condizione si verifica quando le piante hanno difficoltà nell’assorbire il ferro, soprattutto quando il pH del terreno è vicino alla neutralità o addirittura alcalino.

Il ferro è un nutriente essenziale per le piante, poiché è coinvolto nella produzione di clorofilla, il pigmento che dà alle piante il loro colore verde. Quando le piante non riescono ad assorbire abbastanza ferro, le foglie possono diventare gialle. Questo perché la clorofilla si degrada e la pianta non è in grado di produrre abbastanza energia attraverso la fotosintesi.

Ci sono diverse ragioni per cui le piante possono avere difficoltà nell’assorbire il ferro. Una delle cause più comuni è un pH del terreno troppo alto. In terreni alcalini, il ferro forma complessi insolubili che le radici non possono assorbire. Altre cause possono includere un’eccessiva presenza di calcare nel terreno, un’irrigazione eccessiva o insufficiente, o danni alle radici causati da eccessiva concimazione o malattie.

Per affrontare la clorosi ferrica, è possibile prendere diverse misure. Innanzitutto, è consigliabile testare il pH del terreno per determinare se è alcalino. Se il pH è troppo alto, si possono utilizzare prodotti specifici per abbassarlo e migliorare l’assorbimento del ferro. Inoltre, è possibile utilizzare fertilizzanti a base di ferro chelato, che è una forma di ferro facilmente assorbibile dalle piante.

È importante notare che l’ingiallimento delle foglie può essere causato anche da altri problemi, come carenze di altri nutrienti, malattie o infestazioni di parassiti. Pertanto, se le foglie della pianta diventano gialle, è consigliabile analizzare attentamente la situazione e cercare di identificare la causa del problema prima di prendere misure correttive.

Torna su