Sintomi e trattamento dellantracnosi del pomodoro

L’antracnosi (Gloeosporium lycopersici) è un’altra delle malattie del pomodoro molto diffuse. Questa malattia provoca la formazione di macchie rotondeggianti sui frutti, leggermente infossate, di colore rosso-bruno.

Le macchie causate dall’antracnosi possono variare di dimensione e forma e possono svilupparsi sia sui frutti verdi che su quelli maturi. Inizialmente, le macchie appaiono come piccole lesioni d’acqua che si ingrandiscono nel tempo. Con l’avanzare dell’infezione, le macchie diventano più grandi e possono fondersi tra loro, provocando la decomposizione del frutto.

L’antracnosi è causata da un fungo che si sviluppa e si diffonde in condizioni di alta umidità e temperature comprese tra i 20°C e i 30°C. I principali fattori di rischio per lo sviluppo dell’antracnosi sono l’eccesso di umidità, la scarsa circolazione dell’aria e le piogge frequenti. Questa malattia può essere trasmessa attraverso il contatto diretto con le piante infette, ma anche attraverso le spore del fungo che possono sopravvivere nel terreno e sui residui vegetali.

Per prevenire e controllare l’antracnosi, è fondamentale adottare buone pratiche agronomiche. Ecco alcune strategie che possono essere utili:

  1. Piantare varietà resistenti all’antracnosi;
  2. Evitare l’eccesso di umidità nel terreno, ad esempio utilizzando sistemi di irrigazione a goccia;
  3. Assicurarsi che le piante abbiano una buona circolazione dell’aria, evitando di piantarle troppo vicine l’una all’altra;
  4. Eliminare i residui vegetali infetti per evitare la sopravvivenza del fungo;
  5. Applicare trattamenti fungicidi preventivi, seguendo le indicazioni del produttore e rispettando i tempi di carenza;
  6. Monitorare attentamente le piante per individuare tempestivamente eventuali segni di infezione e intervenire prontamente.

L’antracnosi è una malattia che può causare gravi danni alle coltivazioni di pomodoro, riducendo la qualità e la resa dei frutti. Pertanto, è importante adottare misure preventive e intervenire prontamente in caso di infezione per limitare i danni.

Domanda: Come si cura lantracnosi?

L’antracnosi delle latifoglie è una malattia fungina che può colpire le piante ornamentali. Per prevenire l’insorgenza di questa malattia, è consigliabile effettuare 2-3 trattamenti con un fungicida sistemico specifico per piante ornamentali durante la primavera. I trattamenti devono essere intervallati di circa 15 giorni l’uno dall’altro. L’utilizzo di un fungicida sistemico aiuta a proteggere la pianta dalle spore del fungo responsabile dell’antracnosi e previene la diffusione della malattia. Durante l’applicazione del fungicida, è importante seguire attentamente le istruzioni riportate sull’etichetta del prodotto. Inoltre, è consigliabile adottare anche altre misure preventive, come la rimozione delle foglie infette e l’eliminazione dei residui vegetali caduti a terra. In caso di forti attacchi di antracnosi, potrebbe essere necessario ricorrere a trattamenti più intensivi o all’aiuto di un esperto del settore.

Domanda: Come combattere il marciume del colletto del pomodoro?

Domanda: Come combattere il marciume del colletto del pomodoro?

Il marciume del colletto del pomodoro è una malattia causata da diversi funghi del genere Phytophthora. Questi funghi possono sopravvivere nel terreno per lungo tempo e infettare le piante attraverso le radici. La malattia si manifesta con la formazione di macchie scure e molli sul colletto delle piante, che possono estendersi verso il fusto principale. Queste lesioni indeboliscono la pianta e possono portare al collasso e alla morte della stessa.

Per combattere il marciume del colletto del pomodoro, è importante adottare alcune misure preventive. Prima di tutto, è fondamentale utilizzare semi e piante certificate e prive di malattie. Inoltre, è consigliabile evitare l’irrigazione eccessiva, che può favorire lo sviluppo dei funghi responsabili della malattia. È anche importante praticare la rotazione delle colture, evitando di coltivare pomodori nella stessa area per due o tre anni consecutivi.

In caso di una malattia in corso, si può intervenire con un trattamento con un fungicida sistemico, irrorando abbondantemente le parti colpite del colletto e il terreno circostante la pianta. È importante seguire attentamente le istruzioni del produttore per quanto riguarda la dose e la frequenza di applicazione del fungicida. Inoltre, è consigliabile eliminare e distruggere le piante infette, per evitare la diffusione della malattia.

È importante sottolineare che il controllo del marciume del colletto del pomodoro può essere difficile e richiede un’attenzione costante. È quindi consigliabile adottare un approccio integrato, combinando misure preventive, come la scelta di varietà resistenti, la rotazione delle colture e la gestione corretta dell’irrigazione, con l’uso di fungicidi solo quando necessario.

Perché il gambo del pomodoro diventa nero?

Perché il gambo del pomodoro diventa nero?

Il gambo del pomodoro diventa nero principalmente a causa di due fattori: la mancanza di nutrienti nel terreno e un’irrigazione errata e insufficiente.

La mancanza di nutrienti, in particolare di calcio, può causare il nero sul gambo del pomodoro. Se il terreno in cui cresce la pianta manca di calcio, la pianta può iniziare a “rubare” l’acqua dai frutti per sopravvivere. Questo può interrompere il trasporto di calcio fino agli apici della pianta, causando la comparsa di macchie nere sul gambo.

Un’altra causa comune del nero sul gambo del pomodoro è un’irrigazione errata e insufficiente. Se la pianta di pomodoro non riceve abbastanza acqua o se viene sottoposta a stress idrico e siccità, può verificarsi un blocco del trasporto di calcio attraverso il gambo. Questo può causare la comparsa di macchie nere sul gambo.

Per prevenire il nero sul gambo del pomodoro, è importante assicurarsi che il terreno contenga una quantità adeguata di calcio. Ciò può essere ottenuto attraverso l’aggiunta di fertilizzanti ricchi di calcio al terreno. Inoltre, è fondamentale fornire una corretta irrigazione alla pianta di pomodoro, assicurandosi che riceva una quantità sufficiente di acqua regolarmente.

In conclusione, il nero sul gambo del pomodoro può essere causato dalla mancanza di calcio nel terreno o da un’irrigazione errata e insufficiente. È importante fornire alla pianta una quantità adeguata di calcio e un’irrigazione corretta per prevenire questo problema.

Qual è il trattamento da fare ai pomodori?

Qual è il trattamento da fare ai pomodori?

Il trattamento consigliato per i pomodori è quello a base di verderame (ossicloruro di rame). Questo prodotto è abbastanza persistente e meno fitotossico rispetto al solfato. Per effettuare il trattamento, è necessario diluire il verderame sciogliendolo in acqua. Successivamente, si deve irrorare la pianta spruzzando il composto su tutta la sua parte aerea. Questo permetterà di proteggere i pomodori da malattie fungine e batteriche, come la peronospora e il cancro batterico. È importante seguire attentamente le istruzioni riportate sull’etichetta del prodotto e prestare attenzione alle dosi consigliate. Inoltre, è consigliabile effettuare il trattamento in condizioni di bassa umidità e al mattino presto o alla sera, per evitare che il prodotto si asciughi troppo velocemente a causa dell’alta temperatura. Ricordarsi di indossare i dispositivi di protezione individuali durante l’applicazione del trattamento e di mantenere una corretta igiene delle attrezzature utilizzate.

Torna su