Piante orientali: le migliori varietà da coltivare

Le piante orientali sono sempre più apprezzate per la loro bellezza e per il loro significato simbolico. Se sei un amante della cultura orientale e desideri aggiungere un tocco esotico al tuo giardino o al tuo interno, le piante orientali potrebbero essere la scelta perfetta per te. In questo post ti presenteremo le migliori varietà di piante orientali da coltivare, con una breve descrizione di ciascuna e i relativi prezzi.

Quale tipo di piante sono adatte per un giardino zen?

Per ricreare un autentico giardino zen esterno, è consigliabile scegliere piante che sono originarie del Giappone o comunque presenti anche in quel paese. Una delle piante più iconiche per un giardino zen è il bambù, che simboleggia la flessibilità e la forza. Il bambù può essere piantato in gruppi o come singole piante per creare un’atmosfera tranquilla e serena.

Altre piante adatte per un giardino zen includono il Ginko Biloba, con le sue foglie a forma di ventaglio che rappresentano la longevità e la saggezza. Il Salice piangente è un’altra scelta popolare, con i suoi rami pendenti che creano un effetto di movimento e fluidità.

Il Tasso giapponese è un’altra pianta comune nei giardini zen, con la sua forma conica e foglie dense che simboleggiano la stabilità e la protezione. Il Ginepro è anche una scelta popolare per il suo aspetto pittoresco e la sua resistenza. Il Cipresso è un’altra pianta spesso utilizzata nei giardini zen, con le sue foglie verde scuro e la sua forma elegante.

Le piante da fiore che simboleggiano la rinascita e la bellezza sono anche una parte importante di un giardino zen. L’Azalea è una scelta comune, con i suoi fiori colorati e la sua capacità di fiorire abbondantemente. L’albicocco è un’altra pianta da fiore adatta per un giardino zen, con i suoi fiori rosa e bianchi che rappresentano la purezza e la fragilità della vita.

In conclusione, per creare un giardino zen autentico, è importante scegliere piante di origine giapponese o comunque presenti anche in Giappone. Il bambù, il Ginko Biloba, il Salice piangente, il Tasso giapponese, il Ginepro, il Cipresso, l’Azalea e l’albicocco sono solo alcune delle piante che possono essere utilizzate per creare un’atmosfera tranquilla e serena nel tuo giardino zen.

Cosa vuol dire Kokedama?

Il termine “Kokedama” deriva dalle parole giapponesi “koke”, che significa muschio, e “dama”, che significa palla. I Kokedama sono una forma di arte giapponese che consiste nell’avvolgere le radici di una pianta in una sfera di muschio, creando così una palla di vita verde senza bisogno di un vaso tradizionale.

I Kokedama sono un’alternativa creativa e decorativa ai vasi classici, e sono diventati molto popolari negli ultimi anni. Queste piante sospese possono essere appese al soffitto o posizionate su un piano, aggiungendo un tocco di natura e stile all’ambiente circostante.

Per creare un Kokedama, si inizia avvolgendo le radici della pianta in uno strato di muschio umido, che funge da substrato naturale per le radici. Successivamente, si utilizza del filo o del cotone per legare il muschio e tenere insieme la palla. Una volta che il Kokedama è stato creato, si può posizionare su una base o appenderlo a un gancio o a un supporto.

I Kokedama possono essere realizzati con una varietà di piante, tra cui piante succulente, erbe aromatiche e piante da interni. È importante scegliere una pianta che si adatti alle condizioni dell’ambiente in cui si desidera posizionare il Kokedama, in modo che possa sopravvivere e prosperare.

Per mantenere un Kokedama sano, è necessario innaffiarlo regolarmente immergendo la palla di muschio in acqua per alcuni minuti, oppure spruzzando acqua sul muschio fino a quando è completamente umido. È importante non lasciare che il muschio si asciughi completamente, ma è anche importante non farlo diventare troppo bagnato, in quanto potrebbe causare la decomposizione del muschio e delle radici della pianta.

I Kokedama sono una bellissima e originale opzione per decorare gli spazi interni ed esterni, e possono essere facilmente personalizzati in base ai gusti personali. Possono essere appesi in gruppi o da soli, e possono essere posizionati su mensole, tavoli, balconi o giardini. Aggiungono un tocco di natura, bellezza e serenità a qualsiasi ambiente.

In conclusione, i Kokedama sono piante senza vaso che spuntano da una sfera di muschio. Sono un’alternativa creativa e decorativa ai vasi tradizionali e possono essere realizzati con una varietà di piante. Mantenere un Kokedama sano richiede di innaffiarlo regolarmente e di evitare che il muschio si asciughi completamente. Queste belle creazioni aggiungono un tocco di natura e stile agli spazi interni ed esterni.

Qual è la pianta più bella del mondo?

Qual è la pianta più bella del mondo?

Una delle piante non solo più grandi, ma anche più belle del mondo si trova in Giappone, all’Ashikaga Flower Park, nella prefettura di Tochigi. È una Wisteria, una pianta rampicante appartenente alle Leguminose, nota anche con il nome di glicine. Questa pianta è famosa per le sue spettacolari fioriture primaverili, che creano un’atmosfera magica e incantata. I suoi fiori pendono in grandi grappoli viola, bianchi o rosa, creando un effetto di cascata che sembra uscire direttamente da un sogno.

L’Ashikaga Flower Park è conosciuto per avere una delle più grandi Wisteria del Giappone, con rami che si estendono su una superficie di oltre 1.000 metri quadrati. Durante la fioritura, che avviene tra aprile e maggio, migliaia di visitatori si recano al parco per ammirare questo spettacolo naturale unico nel suo genere. Gli alberi di Wisteria sono supportati da pergolati appositamente costruiti, che permettono ai fiori di crescere in modo spettacolare.

La Wisteria è una pianta che richiede molta cura e attenzione, ma i risultati sono davvero straordinari. La sua bellezza e la sua eleganza la rendono una delle piante più ammirate e apprezzate al mondo. Se hai la possibilità di visitare il Giappone durante la primavera, non perderti l’occasione di ammirare questa meraviglia della natura all’Ashikaga Flower Park.

Torna su